Translate

lunedì 16 novembre 2015

Piccolo riassunto di chi ha in mano le sorti del nostro Paese (comprese le palle di matteopoldo, del Presidente della Repubblica e del Governo tutto (e di una buona fetta di opposizione)

di Stefano Davidson

Piccolo riassunto di chi ha in mano le sorti del nostro Paese (comprese le palle di matteopoldo, del Presidente della Repubblica e del Governo tutto (e di una buona fetta di opposizione),oltre che di tutto il resto dell'occidente e buona parte del resto del Pianeta. Ecco i nomi delle sette banche d'affari di Wall Street che controllano le principali corporations globali: - Bank of America Mellon - JP Morgan - Citigroup/Banamex - Wells Fargo - Goldman Sachs - Bank of New York - Morgan Stanley. Ed ecco i nomi delle quattro banche (Fondi d'investimento) che controllano tutti compresi i sopracitati: - BlackRock - State Street Corporation - FMR/Fidelity - Vanguard Group. Queste sono le tracce dei controllanti di ciascuna delle sette megabanche: 1.- Bank of America: State Street Corporation, Vanguard Group, BlackRock, FMR/Fidelity), Paulson, JPMorgan, T.Rowe, Capital World Investors, AXA, Bank of NY Mellon. 2.- JPMorgan: State Street Corp., Vanguard Group, FMR/Fidelity, BlackRock, T. Rowe, AXA, Capital World Investor, Capital Research Global Investor, Northern Trust Corp. e Bank of Mellon. 3.- Citigroup/Banamex: State Street Corporation, Vanguard Group, BlackRock, Paulson, FMR/Fidelity, Capital World Investor, JPMorgan, Northern Trust Corporation, Fairhome Capital Mgmt e Bank of NY Mellon. 4.-Wells Fargo: Berkshire Hathaway, FMR/Fidelity, State Street, Vanguard Group, Capital World Investors, BlackRock, Wellington Mgmt, AXA, T. Rowe y Davis Selected Advisers. 5.- Goldman Sachs:le “Big Four”, Wellington, Capital World Investors, AXA, Massachusetts Financial Service y T. Rowe. 6.- Morgan Stanley: ” I Quattro Grandi”, Mitsubishi UFJ, Franklin Resources, AXA, T.Rowe, Bank of NY Mellon e Jennison Associates. 7.- Bank of NY Mellon: Davis Selected, Massachusetts Financial Services, Capital Research Global Investor, Dodge, Cox, Southeatern Asset Mgmt… e le “Big Four” Delle “Big Four”che dominano le sette megabanche e che godono di sovrapposizioni ed incroci azionari, si evidenziano soltanto quelli che controllano State Street y BlackRock. 1.- State Street: Massachusetts Financial Services, Capital Research Global Investor, Barrow Hanley, GE, Putnam Investment e…le “Big Four”(Loro stessi sono azionisti!). 2.-BlackRock: PNC, Barclays e CIC. Come esempio delle sovrapposizioni ed incroci azionari, si può prendere la PNC Bank, che viene controllata da tre delle “Big Four”: BlackRock, StateStreet y FMR/Fidelity. Le “Big Four” che controllano tutto controllano ovviamente anche le maggiori multinazionali : Alcoa; Altria; AIG; AT&T; Boeing; Caterpillar; Coca–Cola; DuPont; GM; H–P; Home Depot; Honeywell; Intel; IBVM; Johnson&;Johnson; McDonald’s; Merck; 3M; Pfizer; United Technologies; Verizon; Wal–Mart; Time Warner; Walt Disney; Viacom; Rupert Murdoch’s News; CBS; NBC Universal. ATTENZIONE!!! La Federal Reserve USA (privata) comprende 12 Banche, rappresentate da un Consiglio di sette persone, che rappresentano le sopracitate “Big Four”. quindi la Federal Reserve è anch'essa in mano a BlackRock, StateStreet, FMR/Fidelity y Vanguard Group. PS: Giusto per saperlo: la “privatizzazione globale dell’acqua” viene attuata dalle stesse banche d'affari sopracitate, in "collaborazione" con l'FMI, fatto questo che arreca benefici nel suo insieme, per esempio, al nepotismo dinastico della famiglia Bush, i cui componenti stanno cercando anche di prendere il controllo delle fonti d’acqua dell’Acuífero Guaraní in Sud America, una delle maggiori riserve d’acqua dolce del pianeta. fonti: me stesso, Alfredo Jalife Rahme, Liza Karpova

2 commenti:

  1. Grazie non solo da parte mia ma anche per chi volesse risvegliarsi da un brutto sogno a occhi aperti che tutti stiamo vivendo.

    RispondiElimina
  2. INECCEPIBILE, anche se è opportuna una puntualizzazione: "A fine 2007, tra i primi venti gruppi bancari del mondo per volume degli attivi, ben 14 erano europei, di cui due svizzeri. (...) In totale, le banche europee detenevano attivi per 28,2 trilioni di dollari, ovvero 25 se si escludono le due svizzere (Ubs e Crédit Suisse). Per contro gli attivi delle tre banche Usa incluse nell'elenco delle top venti ammontavano in tutto a 5,5 trilioni. (...) tra le banche europee e le banche americane, incluse la Bce e la Fed, si è venuto costituendo dalla fine degli anni Novanta un intreccio strettissimo, al punto che si potrebbe parlare di un unico sistema finanziario con due corpi connessi come gemelli siamesi. Il che porta ad affermare nuovamente che non si è affatto trattato di una crisi americana seguita da una crisi europea; in realtà la prima e la seconda sono due volti, o due fasi, di una medesima crisi del capitalismo finanziario."
    Luciano Gallino, "Il colpo di Stato di banche e governi. L'attacco alla democrazia in Europa", Einaudi, Torino 2013, p. 97

    RispondiElimina