Translate

martedì 8 dicembre 2015

Il fidanzato della senatrice Pezzopane gli offese la madre disabile, ma è invece lui ad essere rimandato a giudizio

Alessandro-Maiorano-e-Simone-Coccia-Colaiuta-2

Solo chi è abituato a vederne di tutti i colori, si sarebbe potuto aspettare un colpo di scena del genere, ma non certo Alessandro Maiorano, il difensore civico che, circa due anni fa, ebbe a “scontrarsi” in malo modo, su Facebook, con il signor Simone Coccia Colaiuta, fidanzato della senatrice Pezzopane, indagato dalla Procura della Repubblica di L’Aquila per un tentativo d’estorsione che il PM ritiene essere avvenuto proprio ai danni del Maiorano, avendone avuta conoscenza da alcune intercettazioni telefoniche, effettuate dalla DIGOS in altra indagine giudiziaria, che hanno visto per protagonista proprio Simone Coccia Colaiuta, registrato anche nei suoi numerosi colloqui con un ex Boss del narco-traffico.
Ed in tale scontro sul social-network, quella che ebbe a subirne la peggio, con offese inaspettate, oggetto di denuncia da parte del difensore civico, fu la sua mamma ottantenne e disabile, alla quale Simone Coccia Colaiuta, seppur messo a conoscenza dal Maiorano della disabilità e gravità del suo stato di salute, si rivolse nel modo che, seppur pubblicato a suo tempo da numerosi  mass-media, noi siamo costretti a riportare esclusivamente per dovere di cronaca, provando vergogna e disgusto per quanto affermato dal signor Simone Coccia Colaiuta: “PORTAMI TUA MADRE, CHE A COLPI DI CAZZO IN BOCCA LA FACCIO RESUSCITARE”.
Che dire, se non che ci saremmo aspettati dal signor Coccia Colaiuta un chiarimento ed una presa di responsabilità, sia in pubblico, sia nelle opportune sedi legali, di quanto da lui affermato e denunciato dal Maiorano, ma evidentemente siamo dei puri e degli illusi, visto che invece le cose sono andate in modo diverso da come noi, e tantissime altre persone per bene, ci saremmo aspettati potessero andare.
Il rinvio a giudizio di Alessandro Maiorano, ed anche una preoccupantissima lettera-denuncia del giornalista aquilano Giuseppe Vespa al Presidente della Repubblica Mattarella ed ai vertici del Consiglio Superiore della Magistratura, riguardo alle disfunzioni della giustizia a L’Aquila, la cui Procura ha rinviato a giudizio il difensore pubblico, ci fanno molto riflettere, ma dovrebbero far riflettere anche il Presidente del Consiglio Matteo Renzi, che, a nostro avviso, dovrebbe essere preoccupato per quanto denunciato dal direttore de “L’Editoriale”, ed anche per l’immagine del PD, Partito del quale è il leader, mai come in questo momento contestato e messo in discussione da moltissimi elettori aquilani, che non si sentono più rappresentati dalla senatrice Pezzopane, che con i loro voti è stata eletta, che sembra voler dedicare più interesse alla televisione, nei cui programmi è spesso presente con il suo futuro marito per raccontare della loro love-story (oggetto anche di dure critiche per molti particolari boccacceschi riferiti in Tv), che all’impegno politico vero e proprio in difesa dei cittadini.

Link di un video di Alessandro Maiorano, pubblicato sul suo profilo Facebook:https://www.facebook.com/alessandro.maiorano.393/videos/1024520377599222/?pnref=story
http://fratelliditalia.altervista.org/fidanzato-senatrice-pezzopane-gli-offese-madre-disabile-ad-essere-rimandato-giudizio/?doing_wp_cron=1449600689.4615850448608398437500

Nessun commento:

Posta un commento