Translate

mercoledì 4 maggio 2016

Attenzione: la vita di tutti è in pericolo a causa dei semi e cibi transgenici (O.G.M.)


Image courtesy ofrenjith krishnan / FreeDigitalPhotos.net

Cibi transgenici e armi chimico-batteriologiche hanno origini comuni: nascono dagli O.G.M. (Organismi Geneticamente Modificati). In pizze, birre, vini, croissant, cornetti, merendine, gelati, dolcificanti, coca-cola e bevande commerciali, uova e colombe pasquali, cioccolato, enzimi e caglio per fare mozzarelle e formaggi vari, prodotti per la colazione, pane e pasta, ecc. vi sono contenuti ingredienti transgenici (OGM), per non parlare di galline, mucche e animali che vengono alimentati con cibi infetti (vedi mucca-pazza) e foraggi transgenici, ossia contenenti OGM.


Vediamo quindi che cosa introduciamo nei nostri corpi quando mangiamo cibi contenenti OGM.

All’interno del DNA di semi e cibi transgenici vi è un esercito infinito di virus e batteri altamente infettivi che vengono usati come “cavalli di Troia” dalla scienza biotecnologica per poter veicolare i nuovi geni nel DNA del seme o della pianta da modificare. Infatti se i virus e i batteri non sono altamente infettivi, non riescono a penetrare nel DNA della pianta per depositare i nuovi geni. È impossibile modificare geneticamente il DNA senza questi tremendi virus e batteri. Una volta entrati nel DNA, questi virus e batteri si moltiplicano nutrendosi con il DNA delle stesse cellule infettate così come viene dichiarato dagli scienziati indipendenti di tutto il mondo, come il Prof. Arpad Pusztai, la Dott.ssa Mae Wan Hoo, il Prof. Altieri, ecc., che hanno fatto serie ed approfondite ricerche nei loro laboratori.

Questi virus e batteri, oltre ad infettare le cellule e a riprodursi velocemente, producono un’infinità di tossine spesso più pericolose e letali degli stessi virus e batteri (vedi ad esempio la tossina del Bt o Bacillus Thuringensis). Pertanto quando mangiamo cibi contenenti OGM introduciamo nei nostri corpi anche un esercito di batteri e di virus altamente infettivi che si riproducono all’ “infinito” nei nostri corpi insieme alle loro tossine, anch’esse pericolose e micidiali.
Ma non finisce qui.

I semi e le piante nelle quali sono stati inseriti batteri e virus infettivi, uniti ai nuovi geni, hanno una reazione che è molto violenta, reazione che implica uno sforzo gigantesco da parte del corpo vegetale, animale o umano che sia: è uno sforzo enorme da parte del sistema immunitario per tentare di liberarsi dall’“invasore”, ovvero dai parassiti-virus-batteri-tossine-nuovi geni che sono penetrati nel DNA della pianta stessa. Questo sforzo che tiene costantemente impegnate le difese immunitarie le fa abbassare al punto tale da annullarle completamente, così, qualsiasi germe, anche il più innocuo, può condurre ad un’infinità di malattie ed uccidere, come avviene con l’AIDS.

A causa di questo enorme sforzo atto a rigettare tossine altamente infettive, virus e micidiali batteri invasori introdotti nel corpo a causa degli O.G.M., le difese immunitarie della pianta diminuiscono sempre più. Per questa ragione la pianta diventa debole, malata e non fruttifica, proprio perché stressata dal gravoso lavoro quotidiano che le sue difese immunitarie devono svolgere per tentare di eliminare gli alieni invasori ossia i nuovi geni uniti a virus, batteri e tossine in quanto tali “alieni invasori” sono tutti incompatibili con l’evoluzione e la vita della pianta stessa.
Vi è pertanto tutta una reazione di rigetto di questi “alieni invasori”, una reazione che purtroppo non ha successo perché ormai virus e batteri, essendo già entrati nel DNA, si nutrono di esso e si moltiplicano all’infinito.

Questa continua e stressante lotta quotidiana, che va ad indebolire sempre più il sistema immunitario della pianta, avviene anche nell’organismo umano ogni volta che l’uomo mangia un cibo transgenico, in quanto esso è ricco di virus e batteri altamente infettivi e di pericolosissime tossine, nonché ricco anche di pesticidi ed erbicidi che, da soli, sono già altamente cancerogeni.

Ad esempio la patata transgenica “NEW LEAF SUPERIOR” è geneticamente modificata con un gene tratto dal batterio Bacillus Thuringensis (noto come Bt). Essa è legalmente registrata come pesticida. Se il coleottero chiamato Colorado beetle la mangia, muore, ma su nessuna confezione di questa patata posta in vendita viene scritto «questo è un pesticida», o che si tratta di organismo transgenico, eppure in America è commercializzata e gli ignari americani la mangiano. Non a caso hanno il più alto tasso di malattie nel mondo. Poi ci si chiede perché quasi tutta l’Umanità è ammalata; ci si chiede, secondo le più recenti statistiche ufficiali, perché oggi due persone su tre si ammalano di cancro?

Incominciamo ad usare il cervello e ad informarci.
Esiste un e-book interessantissimo chiamato: DOSSIER OGM: pericoli e danni causati da semi e cibi transgenici (OGM). Questo e-book è veramente completo, fornisce notizie quasi introvabili, neanche in rete, notizie forniteci dai diretti interessati che trattano o sono comunque venuti a stretto contatto con gli OGM, quali ad es., consumatori, contadini, ricercatori, agronomi e scienziati. Questi ultimi, dopo aver lavorato per conto delle multinazionali biotecnologiche produttrici di OGM, hanno rilasciato interviste molto scottanti che distruggono tutte le teorie e le “dichiarazioni sulla “bontà” degli OGM fatte dalle multinazionali biotech. Lo stesso e-book indica come fare a riconoscere questi pericolosi cibi OGM, come partecipare alla lotta contro il transgenico e le soluzioni alimentari possibili per mantenerci in vita ed in salute. E’ un e-book gratuito, fa VERA INFORMAZIONE e potrebbe iniziare a cambiare la vita e la salute di tutti. Questo e-book nasce per informare i cittadini affinché sia possibile proteggere la salute nostra e quella dei nostri cari.

Per scaricare l’e-book gratuito “DOSSIER OGM: pericoli e danni causati da semi e cibi transgenici” 
clicca qui:  http://laviadiuscita.net/dossier-ogm-3/ 
fonte http://laviadiuscita.net/attenzione-la-vita-di-tutti-e-in-pericolo-a-causa-dei-semi-e-cibi-transgenici-o-g-m/

Nessun commento:

Posta un commento