Translate

mercoledì 31 maggio 2017

OLOCAUSTO VACCINALE: ALCUNI BAMBINI SONO MENO UGUALI DEGLI ALTRI



DI EMANUELA LORENZI
comedonchisciotte.org
Immunità e rivoluzione: anticorpi cercansi
Il propagandista demagogico deve quindi essere sempre un dogmatico. Ogni sua affermazione sarà priva di sfumature. Nel suo quadro del mondo non ci sarà posto per il grigio. Secondo Hitler il propagandista deve fare suo « un atteggiamento sistematicamente unilaterale, rispetto ad ogni problema che affronti». Non deve ammettere di potersi sbagliare, o che possa avere in parte ragione chi non la pensa come lui.
(The Brave New World Revisited, Huxley 1958)


Siamo il paese delle sperimentazioni antidemocratiche e della destabilizzazione progettata a tavolino (da barche e panfili sono partiti ordini per distrarre con indagini giudiziarie e stragismi, per deindustrializzare e fare a brandelli la società a favore di massonerie e oligarchie finanziarie).
Siamo il paese della Diaz, dove è stata possibile la più grande sospensione dei diritti civili in un paese occidentale (per i fatti di Genova l’Italia fu condannata dalla Corte di Strasburgo ma il reato di tortura non fu mai introdotto mentre i torturatori restarono impuniti). Raccomando ai liceali di turno (che siano indegnamente a capo di un Ministero o suoi utili idioti delatori encomiati per essere occhi e orecchie di un dittatore che neppure riescono a vedere, drogati di soma [1]fino al midollo) di andarsi a riguardare il film-documentario di Daniele Vicari Diaz – Non pulire questo sangue .
È qui che si cercano teste pensanti fuori dal gregge tanto evocato dai belati che non sanno cosa sia una mutazione e fanno da eco a quel falso storico-scientifico che è l’immunità di gregge che proprio le vaccinazioni di massa hanno distrutto?
È qui che si cercano gli anticorpi alla deriva dittatoriale senza più maschere?
Partiamo dagli anticorpi monoclonali.
“Fuori due”
Questo l’indegno commento del virologo manciuriano filantropo con brevetti vaccinali(il conflitto d’interesse[2] non fa più nemmeno arrossire certi medicunzoli nostrani che provano in ogni modo a negare l’evidenza), creato a tavolino e poi scagliato da Big Pharma come un cane scodinzolante sui social, alla notizia della radiazione il 23 maggio scorso dello stimato Dr Dario Miedico, medico legale ed epidemiologo dalla schiena diritta (concordo con Messora nel volerlo Ministro della salute) da anni al fianco delle famiglie danneggiate da vaccini (radiazione dallo stesso Ordine che lo scorso anno gli ha consegnato una medaglia per i suoi 50 anni dall’iscrizione) le cui accuse sono ben riassunte in questo comunicato stampa. Uno che ne ha visti di cervelli danneggiati, durante le autopsie, e che riceve mediamente un paio di telefonate al giorno di madri che dopo aver trovato il proprio bambino devastato dall’oggi al domani in seguito a vaccinazione, peraltro senza poter fare segnalazione di reazione avversa a causa di un inefficace sistema di farmacovigilanza passivo, sono osteggiate e persino denigrate dal pediatra di turno restio al riconoscimento del nesso causale anche quando evidente.
Prosegue con lui l’epurazione di stampo nazifascista cominciata con la altrettanto ingiustificata radiazione del Dr Roberto Gava, primo firmatario della lettera del 2015 (che consiglio di leggere attentamente per la misura e la ragionevolezza delle perplessità sollevate da ben 150 medici esperti) il cui elenco di 150 firmatari è a quanto pare scandagliato ora dagli ordini (solo quello di Milano ha “attenzionato” i profili di altri 17 medici colpevoli di posizioni “ambigue” in tema vaccinale): la prossima sulla lista della Nuova Inquisizione? La Dottoressa Gabriella Lesmo, rea di essere “Medico, Specialista in Pediatria e Anestesia e Rianimazione, nonché madre di un ragazzo con la vita rovinata da una reazione avversa alle vaccinazioni anti-infettive eseguite per obbligo di legge” (ecco la sua lettera al Corriere di cui raccomando la lettura).
Non è un caso che la stretta sull’omeopatia[3], usata fra l’altro anche dalla longeva e non certo “credulona” regina Elisabetta ma soprattutto sostenuta dalle recenti scoperte sulla memoria dell’acqua e sul quantum imprinting del premio Nobel per la medicina Luc Montaigner (lo stesso che i crociati della Scienza Unica e Dogmatica vorrebbero annoverare fra gli “stregoni” perché applica il principio popperiano della falsificabilità della scienza, un po’ più di coerenza scientisti!), intensificatasi con la proroga non concessa per la presentazione dei dossier per la registrazione dei medicinali omeopatici sui quali il governo elvetico ha invece valutato gli studi su efficacia e sicurezza , abbia ora il suo triste e vergognoso apice con l’ennesima becera e calcolatastrumentalizzazione di un bambino morto (per otite acuta), confondendo un caso di malpractice (come quello del 38enne palermitano morto per errore del chirurgo).
Alcuni bambini sono meno uguali degli altri.
(‘All animals are equalbut some animals are more equal than others.’ G. Orwell, Animal farm, 1945)
I bambini sono sempre usati come carne da macello e da propaganda (“carne da cannone” diventata “carne da televisione”, scriveva sempre Huxley). Tutti i bambini sono uguali? Forse i bambini di Manchester valgono più di quelli siriani o palestinesi sui quali il Nobel per la pace Obama ha lanciato bombe ogni 20 minuti? I bambini dell’occidente opulento valgono più di quelli africani usati per la fase 3 dell’antimalarico Rts,S/As02 o dei bambini indiani usati dalla Fondazione Gates per sperimentare (con qualche danno collaterale anche mortale) l’inutile e dannoso vaccino anti HPV e dal suo GAVI per vaccinare tutti in tutto il mondo? O di quelli morti per l’Olocausto Vaccinale che si vuole a tutti i costi negare senza esser tacciati di negazionismo?
Questo decreto canaglia di stampo fascista illegittimo da ogni punto di vista, incostituzionale, coercitivo, oltremodo violento e classista (contestato anche dalCodacons che oggi stesso svelerà documenti sulle reazioni avverse 2014 -2016 tenuti segreti dall’AIFA), che con l’imposizione indiscriminata di massa del “calendario per la vita” delle case farmaceutiche e in assenza di epidemia (ragione per cui la Ministra potrebbe essere denunciata per tentata strage secondo l’avvocato Roberto Arnoldi) vuole il dominio totale sul corpo dei bambini e dell’intera società, che probabilmente farà ottenere a Milano la sede dell’EMA in fuga dalla Gran Bretagna e certamente farà fruttare alla Glaxo il suo miliardo investito sull’Italia nel 2014, anno in cui la nostra Ministra della salute senza laurea né abbastanza tempo fra cene con federfarma e annunci roboanti per studiare l’epidemiologia del tetano (imperdibile il minuto 2:32 della sua dichiarazione di guerra ai bambini “ricordo che gli anziani continuano a morire per il tetano!”- qualcuno spieghi alla liceale che decide di avvelenare i nostri figli che il tetano non è contagioso) acconsentì a fare dell’Italia il paese test e capofila per le vaccinazioni nell’ambito della Global Health Security Agenda .
Tutti quegli studi che facciamo per i vaccini
Sentire l’attacco frontale all’omeopatia e ai “medici che la prescrivono” e soprattutto la risposta del professor Gianni Rezza, direttore di epidemiologia all’istituto superiore di sanità, “non ci sono tutti quegli studi che facciamo per i vaccini” dà la misura di quanto si sia alzato il tiro dei poteri forti, che non si curano neppure più di dare una parvenza di scienza ai burattini di turno. I vaccini non sono considerati farmaci ma misure di prevenzione e pertanto non si richiedono studi farmacocinetici: non esistono sui vaccini studi controllati randomizzati in doppio cieco con placebo ma soprattutto non esiste alcuno studio sulla combinazione sinergica dei vaccini multipli, né prove di efficacia.
I vaccini non sono testati, non sono sicuri (ecco 50 studi peer-reviewed che lo provano). Chiunque tenti di fare ricerca indipendente viene ostacolato (è il caso del Nordic Cochrane, che ha accusato l’EMA di aver manipolato i dati sul vaccino anti-HPV)
Nessun medico insorge di fronte alla criminale raccomandazione, propagandata su molte riviste dirette alle mamme, a vaccinare un bambino anche se in condizioni non ottimali o sotto terapia antibiotica? Nessun medico insorge di fronte all’affermazione antiscientifica fatta non da un medico qualunque bensì dal Dr Alberto Villani Presidente Società Italiana Pediatria “Chi ha già avuto una malattia esantematica come ad esempio la varicella, può tranquillamente fare il vaccino perché questo va a rinforzare ulteriormente il sistema immunitario“? Forse la necessità di verificare lo stato immunitario prima (e soprattutto DOPO) la vaccinazione si sarebbe rivelata un boomerang di qui la necessità di inoculare l’idea patogena che non sia così necessario verificare l’immunità acquisita in seguito a uno dei tanti richiami vaccinali resi necessari proprio dalla mancata immunizzazione? Di qui anche la frettolosa rivaccinazione senza esami preventivi dei presunti non vaccinati dall’infermiera di Treviso?
Austria, Danimarca, Estonia, Finlandia, Germania, Irlanda, Islanda, Lituania, Lussemburgo, Norvegia, Portogallo, Spagna, Svezia, Regno Unito non hanno obbligo e non hanno epidemie in corso.
Da un post di Roberto Burioni del 28 maggio poi cancellato (per la vergogna o per timore di denunce per istigazione alla discriminazione sociale?):
Io sono favorevole ad una legge che vi obblighi.. Ad ogni modo comincio a sentire di feste di compleanno dove i non vaccinati non vengono invitati, magari la legge non serve neanche, basta l’emarginazione sociale. voi siete pochi e i vaccinati tanti (faccina col ghigno sorridente)” Parola di scienziato.

The untouchables
Invece noi eravamo tanti lì davanti all’ordine dei medici di Milano con i nostri figli e compagni a farci spiare da loro, un plotone inquisitorio di 15 medici che non si è dispiegato di fronte ai luminari che spaccano femori o spostano milioni lucrando sul dolore (“Io ho il centro hub del dolore più grosso di Italia con 19mila interventi all’anno, ho la forza di spostare milioni di euro perché con la forza scientifica tutti danno credito a ciò che scriviamo“), i quali non risulta siano stati radiati, né lo è l’ex Ministro della salute Francesco De Lorenzo, la “forza scientifica” di 600 milioni di lire dietro all’obbligatorietà del vaccini antiepatite B:
«Il 27 maggio 1991, con la legge 165 si istituisce l’obbligo dell’antiepatite B, legge voluta dall’allora Ministro della sanità Francesco De Lorenzo, coinvolto nello scandalo di Tangentopoli: in quanto Ministro della Sanità ottenne, nell’ambito delle indagini su tangenti, una condanna definitiva a 5 anni, 4 mesi e 10 giorni di reclusione con l’accusa di associazione per delinquere e corruzione finalizzata al finanziamento illecito ai partiti. Suo degno compare in questa iniziativa fu il dott. Duilio Poggiolini, direttore generale del servizio farmaceutico nazionale del Ministero della Sanità di Francesco De Lorenzo, coinvolto nell’inchiesta Mani Pulite sullo scandalo di Tangentopoli, membro della loggia massonica P2. Implicato nello scandalo per le infezioni HIV ed epatite C dovute a trasfusioni da sangue infetto sempre nello stesso periodo. Il Ministro De Lorenzo fu perseguito con procedimento penale per avere percepito nell’occasione dalla casa farmaceutica produttrice del vaccino, SmithKline Beecham una “tangente” di L. 600.000.000, procedimento definito con patteggiamento da parte dell’imputato[4]».
Questi soggetti sono ancora lì, perché sono parte del sistema, mentre i veri medici vengono radiati per le idee, i ricercatori che indagano minacciati, le famiglie ricattate, i film-verità censuratibambini dopati per mazzette impunemente, i danneggiati denigrati e vilipesi spesso senza “risarcimento” (se mai si può risarcire un bambino irrimediabilmente devastato a vita o perso del tutto a causa di un vaccino imposto dallo Stato?) o persino richiamati a sottoporre i figli a verifica delle condizioni per avere un assegno col quale neppure riescono a sopperire ai tagli che contemporaneamente si fanno alle ore di sostegno ai disabili (ricordiamo che il disegno di legge per l’istituzione della Giornata in ricordo delle persone decedute o rese disabili a causa di vaccinazioni presentato il 21/05/2013 da Giovanni Mario Salvino Burtone (PD) è stato ritirato il 03/05/2017, tempismo perfetto quanto sospetto per servire a giochi interni – Ragazzi dobbiamo inchiodare i grillini sui vaccini. Questa deve essere la loro Banca Etruria – sulla pelle dei bambini!) e dulcis in fundo la stretta sull’educazione parentale soggetta a esame annuale per il quale è necessario essere vaccinati secondo il folle nuovo piano di 12 vaccini fra cui molti a virus vivo (non importa se il postino o l’idraulico che entrano a riparare il bagno non hanno obbligo di mostrare il libretto vaccinale: gli untori saranno certamente i piccoli!)
Chi è lo stregone?
Tralasciando lo sdegno per gli intollerabili teatrini mediatici che danno spazio a tutto fuorché alla scienza, in particolare agli stessi rappresentanti di gruppi di genitori con ogni probabilità infiltrati dalle lobbies dal farmaco, fa onestamente ribrezzo vedere l’ignoranza e l’arroganza associarsi nelle dichiarazioni di certe mamme che neppure si prendono la briga di leggere e conoscere le sostanze tossiche che lasciano inoculare al proprio bambino a 2 mesi di vita (e pretendono si faccia anche agli altri), magari le stesse che comprano bio o evitano pesci di grossa taglia per il contenuto del neurotossico mercurio (e non è solo il mercurio ad avere contribuito all’epidemia di autismo, ma l’introduzione nei vaccini di DNA dai feti abortiti secondo i recenti studi della D.ssa Theresa Deisher), o stanno attente alle salviettine senza fenossietanolo o alle creme senza polisorbato80 o arredano la cameretta con mobili rigorosamente privi della cancerogena formaldeide usata nelle colle o magari conoscono la tossicità dell’alluminio a contatto con la passata di pomodoro (ma NON la tossicità dell’alluminio nei vaccini), terrorizzate dall’allergia all’uovo del bimbo ma sono certe, credono, che quelle stesse sostanze, per magia e stregoneria dei vaccinologi, si trasformino in innocui elisir di lunga vita (malata) se inoculate direttamente all’interno del corpo del loro piccolo per via parenterale bypassando le normali barriere che il suo meraviglioso (quanto ancora immaturo) sistema immunitario pone in difesa di agenti esterni (mentre la barriera ematoencefalica è ancora assolutamente PERMEABILE). Chi è lo stregone?
Madri incoscienti che affidano ciò che hanno di più caro a camici indottrinati, nella migliore delle ipotesi, e formatisi coi volantini delle case farmaceutiche, o peggio, collusi e corrotti, sic et simpliciter.
Madri incuranti alle quali si dovrebbe togliere la responsabilità genitoriale?
No, non è colpa loro se sono eterodirette e fedeli al dogma propagandato.
Popolo eterodiretto, popolo bue.
Servono anticorpi e una rivoluzione civile in difesa dei bambini.
Noi saremo gli anticorpi e daremo battaglia per la libertà.
In gioco è l’intero sistema immunitario che ci mantiene in vita.

Emanuela Lorenzi
Fonte: www.comedonchisciotte.org
30.05.2017

NOTE
[1] In “Ritorno al mondo nuovo” Huxley tornerà a parlare del soma come istituzione politica: “Il drogaggio sistematico degli individui per il bene dello Stato .. era una piattaforma fondamentale della politica dei Controllori del Mondo. La razione quotidiana di soma era una garanzia contro il disadattamento personale, contro le agitazioni sociali, contro il diffondersi di idee sovversive” (1958 Brave New World Revisited)
[2] The inspiring scientists and originators of Pomona Ricerca, Professor Massimo Clementi (link), Professor of Microbiology and Virology and Dean of the School of Medicine of the Università Vita-Salute San Raffaele, and Professor Roberto Burioni(link), Associate of Microbiology and Virology at the same University, are among the key opinion leaders and internationally recognized experts in the field of human monoclonal antibodies and in the research of the host-pathogen interplay, with an outstanding publication track in this field. Their work and consolidated know how in the specific sector puts also Pomona in a leading position for the design and the development of innovative epitope-based vaccines, able to elicit only the most active antibodies after administration to the patientFrom its incorporation, Pomona Ricerca has been financed by angel investors. http://www.pomonaricerca.com/
Il lavoro di Burioni e Clementi rende quindi la Pomona leader nella progettazione e sviluppo di vaccini innovativi basati su epitopi ed è finanziata sin dalla sua costituzione da investitori angelici[ndt]
[3] L’omeopatia è da sempre calunniata nel nostro paese (spesso senza sapere di cosa si stia parlando), insieme altre terapie pur basate sulla Evidence Based Medicine e alle quali la cosiddetta medicina allopatica ha scippato principi attivi e persino principi funzionali (vedi il similia similibus curentur, cioè il simile cura il simile, che guarda caso è alla base della pratica vaccinale, cosa ne direbbero i professoroni?), quali fitoterapia, agopuntura, medicine tradizionali. Tuttavia, la ricerca clinica in omeopatia, che non è acqua fresca, è ormai avviata e proprio la produzione di meta-analisi che confermano l’effetto superiore al placebo è una minaccia all’oligarchia delle case farmaceutiche da eradicare a tutti i costi.

fonte http://www.comedonchisciotte.net/modules.php?name=News&file=article&sid=5763

Nessun commento:

Posta un commento