Translate

mercoledì 13 giugno 2018

#captivitéinégalitéhostilité





 di Stefano Davidson

La Francia vampirizza dal 1961 ad oggi 14 ex colonie AFRICANE (in cui la valuta si chiama Franco)la bellezza di 500 cinquecento miliardi di dollari.
14 paesi AFRICANI sono da allora costretti dalla Francia a pagare imposte coloniali (per i benefici di schiavitù e colonizzazione) secondo meccanismi imperialisti FMI. Senza contare situazioni come quella di Haiti (notoriamente ricchissima isola senza problemi nei Caraibi) a cui la Francia ha letteralmente rapinato 21 miliardi di euro.
Si annoti inoltre che negli ultimi 50 anni per un totale di 67 colpi di stato che si sono susseguiti in 26 paesi africani, 16 sono avvenuti in ex colonie francesi, il che significa che il 61% dei colpi di stato si sono verificati nell’Africa francofona.
Giusto qualche esempio:
– Il 1 gennaio 1966, Jean-Bédel Bokassa, un ex soldato francese della legione straniera, guidò un colpo di stato contro David Dacko, il primo presidente della Repubblica Centrafricana.
– Il 3 gennaio 1966, Maurice Yaméogo, il primo presidente della Repubblica dell’Alto Volta, oggi Burkina Faso, fu vittima di un colpo di stato condotto da Aboubacar Sangoulé Lamizana, un ex legionario francese che combatté con i francesi in Indonesia e Algeria contro le indipendenze di quei paesi.
– il 26 ottobre 1972, Mathieu Kérékou che era una guardia del corpo del presidente Hubert Maga, il primo presidente della Repubblica del Benin, guidò un colpo di stato contro il presidente, dopo aver frequentato le scuole militari francesi dal 1968 al 1970
Parlez vous francais?
Oui? Bién, va te faire foutre!

Stefano Davidson

Nessun commento:

Posta un commento