Translate

sabato 21 novembre 2020

La “EcoHealth Alliance” ha orchestrato l’annuncio di 27 importanti scienziati sul fatto che il coronavirus avesse origini naturali

Le e-mail ottenute da US Right to Know mostrano che una dichiarazione su The Lancet, scritta da 27 eminenti scienziati della sanità pubblica, che condannava le “teorie del complotto che suggeriscono che COVID-19 non ha un’origine naturale” è stata organizzata dai dipendenti di EcoHealth Alliance, un gruppo senza scopo di lucro che ha ricevuto milioni di dollari di finanziamenti dai contribuenti statunitensi per manipolare geneticamente i coronavirus con gli scienziati dell’Istituto di virologia di Wuhan.

Le e-mail ottenute tramite richieste di documenti pubblici mostrano che il presidente di EcoHealth Alliance Peter Daszak ha redatto la dichiarazione di Lancet e che intendeva che “non fosse identificabile come proveniente da una qualsiasi organizzazione o persona“, ma piuttosto da essere vista come “semplicemente una lettera da scienziati leader nel settore“.

Daszak ha scritto che voleva “evitare che si pensasse fosse una dichiarazione politica”.

La lettera degli scienziati è apparsa su The Lancet il 18 febbraio, appena una settimana dopo che l’Organizzazione mondiale della sanità aveva annunciato che la malattia causata dal nuovo coronavirus sarebbe stata chiamata COVID-19.

I 27 autori “condannano fermamente le teorie del complotto che suggeriscono che COVID-19 non ha un’origine naturale” e hanno riferito che scienziati di più paesi “concludono in modo schiacciante che questo coronavirus abbia avuto origine nella fauna selvatica”. La lettera non includeva riferimenti scientifici per confutare una teoria dell’origine di laboratorio del virus.

Una scienziata, Linda Saif, ha chiesto via e-mail se sarebbe utile “aggiungere solo una o due affermazioni a sostegno del motivo per cui nCOV non è un virus generato in laboratorio ed è presente in natura” Sembra fondamentale confutare scientificamente tali affermazioni! “

Daszak ha risposto: “Penso che dovremmo probabilmente attenerci a una dichiarazione generale“.

Le crescenti richieste di indagare sull’Istituto di virologia di Wuhan come potenziale fonte di SARS-CoV-2 hanno portato a un maggiore controllo di EcoHealth Alliance.

Le e-mail mostrano come i membri di EcoHealth Alliance abbiano precocemente cercato di mettere a tacere le domande sull’origine di laboratorio di SARS-CoV-2 etichettandole come “teorie stravaganti che devono essere affrontate”, come ha detto Daszak al Guardian.

Sebbene la frase “EcoHealth Alliance” sia apparsa solo una volta nella dichiarazione di The Lancet, in associazione con il coautore Daszak, anche molti altri coautori hanno legami diretti con il gruppo che non sono stati rivelati. Rita Colwell e James Hughes sono membri del consiglio di amministrazione di EcoHealth Alliance, William Karesh è il vicepresidente esecutivo per la salute e la politica del gruppo e Hume Field è consulente per la scienza e le politiche.

Gli autori della dichiarazione hanno anche affermato che “la condivisione rapida, aperta e trasparente dei dati su questo focolaio è ora minacciata da voci e disinformazione sulle sue origini”. Oggi, tuttavia, si sa poco sulle origini della SARS-CoV-2 e le indagini sulle sue origini da parte dell’Organizzazione mondiale della sanità e della commissione The Lancet COVID-19 sono state avvolte nel segreto e impantanate da conflitti di interessi.

Peter Daszak, Rita Colwell e il redattore di The Lancet Richard Horton non hanno fornito commenti in risposta alle nostre richieste per questa storia.

Il collegamento all’intero lotto di e-mail di EcoHealth Alliance può essere trovato qui: E-mail di EcoHealth Alliance: University of Maryland (466 pagine)

Fonte

https://neovitruvian.com/2020/11/19/la-ecohealth-alliance-ha-orchestrato-lannuncio-di-27-importanti-scienziati-sul-fatto-che-il-coronavirus-avesse-origini-naturali/

Nessun commento:

Posta un commento